Profilo

Genovese, grande creativa,ha modellato creta e dipinto tessuti per bambini. Nel 2002 scopre la cartapesta. Appassionandosi a questa tecnica di scultura inizia il suo percorso artistico realizzando prevalentemente personaggi, tra cui le "Popolane", figure di donne in controtendenza rispetto all'immagine stereotipata femminile.

Espressività, sentimento di sincerità, serenità, gioia di vivere: questo trasmettono i personaggi realizzati, distinguendosi per la particolarità della morbidezza delle forme e per gli occhi socchiusi.

Apprezzata dal pubblico e dalla critica.
Le sue opere sono state pubblicate su cataloghi e riviste d'arte. In merito al suo operato si sono espressi valenti critici.

Per la Minuti, qualsiasi oggetto ha un'anima, come asseriva G. Morandi, parlando del fantasma percettibile della forma che accompagna e alimenta l'oggetto, dativo di vitalità'. La carta nasconde potenzialità' estetico funzionali, che la rendono fonte di ispirazione - questa e' l'intuizione di Laura - interpretando il mondo di noi stessi.

Materiali dunque di riciclo di colle naturali, colori, immaginario e creatività', creazioni di oggetti derivati da un lavoro che l'artista genovese coniuga sapientemente con praticità', solidità' e leggerezza, inclusioni, e tanta

  • 0
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • cuocainpausa
  • lamondina
  • adaalmare
  • 5
  • 6
  • boccadirosa
  • costanza
  • raccontafavole
  • 8
  • amami
  • pablito
  • 9
  • 10
  • omaggioatoto
  • fugadipulcinella
  • 12
  • nativita2018
  • 17
  • 18
  • angelocustode
  • 21
  • 22
  • full screen slider
  • 24
  • 25
  • pesceinnamorato

creatività' artistica; abile, attenta, paziente preparazione in ogni sua fase, accompagnano dall’inizio le sue opere: una sfida creativa che l'artista si propone; combinare forme e colori per esaltare preziosità' e bellezza.

(Alfredo Pasolino)

Laura Minuti crea strutture di sogno non vincendo un elemento pesante, ma toccando lievemente la materia leggera per renderla colore animato.

(Alfonso Confalone)

La talentuosa mano dell’artista conosce la sapienza del costrutto plastico, dove nulla e' lasciato al caso, dove il ruolo indispensabile del colore conferisce ulteriore poesia a questa ricerca di carattere verista.

(Paolo Levi)